Max Maghin

Mi è sempre piaciuto attraversare frontiere. Per me attraversare frontiere significa superare i pregiudizi delle persone, dei paesi e delle casualità della storia. Molto prima della seconda metà del ‘900 il mondo era già suddiviso in zone climatiche, etniche, e altre ancora, ecco per quale motivo nel viaggio Africa XL è così bello attraversarle. Questo vi permette di vedere i più antichi limiti, quelli esistenti da secoli e creati dalla natura e dalla cultura e non dalla politica.

Facendo questo viaggio bisogna sempre compiere un certo sforzo mentale per capire che ogni giorno (ogni giorno!) si arrivi in un posto grande e significante. Esistono i viaggi dove ci vuole qualche giorno noioso per raggiungere posti del genere, mentre qua ogni giorno è un evento, un capolavoro.

Le coste di 3 oceani pieni di storia, sofferenza ed allegria, con un continente gigantesco sulle spalle. I deserti più antichi del mondo, i delta di fiumi unici. La cascata che merita il primo premio nel caleidoscopio delle impressioni e le strade dove le colazioni lussuose sono accompagnate dagli elefanti selvaggi e dalle piante esotiche. In più: balene, ostriche, boscimani, città vive e morte..

E tutto questo in sole due settimane. Dormendo su lenzuoli bianchi nei lodge di designer.

In questo viaggio si va per sani motivi egoistici, si va quando sai cosa vuoi esattamente e come farlo in maniera migliore, chi si conosce nel profondo. Dmitry Shumilov mi ha preso in questo viaggio e può ancora prendere voi.